Seguici:

10 motivi per avere le domande grandi dei bambini a casa

Punti fermi che illuminano Le domande grandi dei bambini

1. Un libro da avere a casa

I volumi Le domande grandi dei bambini possono essere utilizzati, come hanno fatto alcune parrocchie, per la formazione dei catechisti oppure possono essere regalati ai genitori perché riscoprano la fede. Ma l’esperienza ci ha mostrato che “funzionano” al meglio quando ogni bambino ha il proprio libro e lo può portare a casa. Infatti, guardando le immagini e leggendo il testo, può meditare le cose che più lo hanno affascinato nelle riunioni: non bisogna avere paura di consegnare ai bambini questi libri, perché essi desiderano capire e hanno un cuore molto più grande e carico di domande inespresse di quanto immaginiamo. Ai bambini piace avere il loro libro personale.

2. Un libro per la famiglia

I libri sono stati pensati per la famiglia, perché i genitori siano incuriositi nel vederli, siano colpiti dalle parti ad essi destinate, ma anche da quelle rivolte ai bambini e venga voglia di sfogliarli per dialogarne fra di loro e con i figli. I figli stessi, vedendo le immagini e leggendoli, rivolgeranno nuove domande ai genitori. Sono stati pensati proprio per genitori lontani dalla fede, che vogliono almeno domandarsi in cosa consista la novità della fede cristiana. Per i genitori è prezioso avere un libro così in casa.

3. Le immagini sono la cosa più importante da cui partire

Le immagini sono più importanti del testo. Sia quelle disegnate appositamente, sia le foto scelte una per una, sono state pensate perché le riunioni con i bambini inizino a partire da esse. Abbiamo voluto che fossero non immagini banali e fumettistiche, bensì evocative e belle.
Sono disponibili sul sito, nella sezione La Via della Bellezza. Si possono scaricare e proiettare in grande dimensione e con grande efficacia durante gli incontri. Se anche ciò non fosse possibile, basterà guardarle insieme in riunione e cominciare a commentarle e a fare domande su di esse. La nostra esperienza è che, dinanzi a una immagine molto bella e alle domande profonde che i bambini riconoscono come proprie, essi si stupiscono e cominciano a interrogarsi e a interrogare per capire meglio. Queste immagini comunicano più di molte parole.

4. Audio e video per comprendere ancora di più come utilizzare Le domande grandi dei bambini

Nel sito sono online anche una serie di audio e video utili per comprendere ancor più l’impianto generale, come pure la lettura e il commento di ogni singolo capitolo di ognuno dei tre libri, sia per le parti dei bambini, sia per le parti dei genitori.

5. I libri sono costruiti a partire da una sintesi visiva che viene richiamata in ogni tappa del cammino

L’itinerario propone quella che si potrebbe chiamare una “sintesi visiva”, cioè una rappresentazione chiara dei punti più importanti del discorso. Come il corpo ha uno “scheletro” che sostiene la muscolatura e tutte le altre parti, così è per Le domande grandi dei bambini: i volumi hanno come una “mappa concettuale” che invitiamo a presentare bene all’inizio del cammino e a ripetere poi a ogni nuovo incontro, mostrando dove si “aggiunge” ogni nuova parte dell’organismo vivo della fede.
Questa “mappa” è presentata interamente già nel primo libro. Noi riteniamo, infatti, che sia importante la ripetizione dei punti essenziali e che essi debbano essere chiari, in modo che anche un bambino con difficoltà cognitive possa orientarsi a partire da questo schema semplice e profondo. Siamo convinti che tale schema debba essere disegnato e ridisegnato per i bambini, affinché le immagini che presentiamo siano sempre poste in relazione al cuore della fede e le diverse riunioni non divengano frammentarie.

6. Presentare il cuore della fede

Oggi bambini e genitori hanno bisogno e desiderio di capire subito perché vale la pena credere e cosa c’è di nuovo e di grande nella fede cristiana. Nel primo volume si presenta subito il motivo per il quale essere cristiani è la cosa più sensata del mondo. A questo cuore della fede si aggancia tutto il resto.
La “mappa concettuale”, la “sintesi visiva” del cuore pulsante della fede vengono poi ripetute a ogni incontro per legare a esso tutti gli altri contenuti nuovi.

7. È possibile schematizzare il cuore della fede senza con questo divenire aridi

La “mappa concettuale” proposta da Le domande grandi dei bambini li aiuta a capire che ogni uomo, a partire dall’uomo primitivo, è come una freccia che punta, con la propria libertà, verso il cielo nel desiderio di conoscere e amare.
Ma questa ricerca dell’uomo non approderebbe al suo porto se Dio non scendesse verso di noi, con la sua Libertà, poiché all’uomo è impossibile conoscere tutto con le proprie forze. La Rivelazione – realtà e parola importantissima – si compie quando Dio ci dona il suo Figlio. Incontrando Gesù, noi finalmente vediamo il volto stesso di Dio e comprendiamo che Dio è Padre che, per amore, ci dona il Figlio suo e il suo Spirito. Non solo comprendiamo che Dio è amore, ma con il Battesimo siamo liberati dalla solitudine e inseriti nel cuore della Trinità.
Il sito presenta anche una canzone da cantare con i bambini che riprende questo schema.

8. Un itinerario che ha bisogno di tutto ciò che i catechisti hanno già sperimentato negli anni

Ne Le domande grandi dei bambini non si parla della corona dell’Avvento o del ciclo dell’anno liturgico, così come di altre cose importantissime che i catechisti conoscono benissimo. Non se ne parla, appunto, perché sono già note.
Le domande grandi dei bambini intendono invece aiutare i catechisti e le famiglie a trovare il linguaggio adatto per annunziare la fede nei suoi termini essenziali con un linguaggio sperimentato concretamente, ma tutte le altre modalità già conosciute dai catechisti devono proseguire e integrare l’itinerario qui proposto.
Le domande grandi dei bambini, insomma, non intendono essere un itinerario esaustivo, ma anzi richiedono che ogni comunità di catechisti integri il cammino da proporre con tutto ciò che già ha scoperto e con ciò che lo Spirito insegnerà ancora.

9. Libri nei quali i bambini possano provare piacere anche a distanza di anni

Le domande grandi dei bambini sono un itinerario pensato per una catechesi che non sia infantilistica. Ogni infantilizzazione della catechesi sarebbe contraria metodologicamente all’itinerario che proponiamo.
Siamo convinti che anche a distanza di anni, divenuti più grandi, i bambini possano trovare gusto a riaprire le pagine di questi libri.

10. I volumi sono stati scritti perché genitori e figli li leggano insieme

Le parti destinate ai genitori, a carattere più piccolo, sono state scritte perché le possano leggere anche i bambini. Le immagini e i testi per i genitori, infatti, pur essendo più complessi delle parti direttamente rivolte ai bambini, sono adatti anche ai bambini che vorranno approfondire la fede. Aiuteranno inoltre i bambini a capire subito che la fede non è un qualcosa di riservato ai piccoli, ma interessa anche i grandi.
I genitori, a loro volta, scopriranno che ciò che viene detto ai figli è prezioso anche per loro: le parti dei bambini sono scritte perché i genitori trovino piacere nel leggerle.
Non solo le parti per i genitori sono adatte anche ai bambini e viceversa, ma, ancor più, le due parti sono vicine perché venga voglia a genitori e figli di leggerle insieme, perché i bambini possano porre domande ai genitori e perché i genitori non abbiano paura del desiderio che nasce in loro di avvicinarsi di più alla fede.

Don Andrea Lonardo